Davvero nessuno vuole più trovare lavoro nella ristorazione?

-60e884f17f5b7.jpg - JoJolly

È la narrazione del momento: nessuno vuole più trovare lavoro nella ristorazione. Mancano 150.000 camerieri, ma anche cuochi, baristi, lavapiatti e addetti alle pulizie.

Un problema che non colpisce solo le località turistiche, ma anche le grandi città: Milano, Torino, Venezia, Bari, Bologna… da nord a sud, il destino di un intero settore sembra essere segnato.

Un copione che si ripete sempre uguale: “le posizioni aperte ci sono, ma mancano gli strumenti a sostegno dell’occupazione, e persone che abbiano davvero la voglia e la serietà che servono per trovare lavoro nella ristorazione.”

O almeno questo è quello che continuiamo a sentirci raccontare: colpa della pandemia, delle aperture e chiusure compulsive, di ragazzi che preferiscono il reddito di cittadinanza a un lavoro senza dubbio impegnativo e stressante.

Ma è davvero così?

Spesso trovare lavoro nella ristorazione significa scontrarsi con turni massacranti, contratti inesistenti e paghe inadeguate. Per non parlare del lavoro in nero, una prassi tristemente comune.

E quando mancano le condizioni, il banco salta: tanti improvvisati, e sempre più persone che preferiscono cambiare mestiere piuttosto che rinunciare alla propria dignità professionale.

È innegabile che il settore stia attraversando un momento di profonda crisi, ma invece di puntarsi il dito a vicenda, sarebbe utile pensare a soluzioni che mettano d’accordo entrambe le parti.

Da una parte i ristoratori, schiacciati dalla pressione fiscale, dall’incertezza del periodo e da una burocrazia impossibile.

Dall’altra chi vuole trovare lavoro, stufo di una precarietà insostenibile che impedisce di avere certezze e costruire reali progetti di vita.

E’ possibile far incontrare la necessità di mantenere un’attività sana e profittevole, e il diritto di chiedere condizioni di lavoro equilibrate e pagate il giusto?

La questione è tutta qui. Il totale scollamento tra domanda e offerta, metodi di ricerca del lavoro e reclutamento obsoleti, condizioni poco chiare e trasparenti.

Jojolly nasce da un team di persone che si sono trovate da entrambe le parti della barricata, proprio per dare una risposta a queste criticità.

Che tu sia un ristoratore in cerca di personale qualificato, o un professionista che vuole trovare un lavoro in linea con le tue esigenze, sicuro e correttamente retribuito, in Jojolly potrai trovare una valida soluzione.

Se vuoi saperne di più puoi dare un’occhiata qui e scaricare l’app, disponibile per iOS e Android.

Comincia subito!
Scegli la tua piattaforma.

Scarica l'app

Ultimi Post

I 7 segreti per diventare un cameriere perfetto - JoJolly
I 7 segreti per diventare un cameriere perfetto

Si fa presto a dire cameriere, ma quali sono le caratteristiche che distinguono il cameriere perfetto da uno qualunque? Scoprilo leggendo l’articolo!

Leggi
5 errori che gli chef non commettono - JoJolly
5 errori che gli chef non commettono

In Italia non si deve scherzare su tante cose, ma ce n’è una in particolare che può trasformare anche il più tenero degli agnellini in un feroce leone: stiamo parlando del cibo.

Leggi
Come scrivere un Curriculum Vitae a prova di bomba - JoJolly
Come scrivere un Curriculum Vitae a prova di bomba

Scrivere il Curricum Vitae ti mette più ansia di un servizio da 500 persone? Non temere, grazie a questa guida di Jojolly scrivere il CV sarà più facile di bere un bicchier d’acqua!

Leggi