I 7 segreti per diventare un cameriere perfetto

-616c164eea448.jpg - JoJolly

Il mestiere del cameriere viene spesso frainteso, sia dagli aspiranti addetti di sala che dai ristoratori. È infatti facile che venga interpretato come un lavoro poco qualificato, accessibile a tutti senza particolari requisiti. 

In realtà, che sia un’occupazione extra per arrotondare o la professione della vita, quello del cameriere è un lavoro che presuppone la conoscenza di regole e gerarchie ben precise, e può contribuire in maniera determinante al successo o al fallimento di un locale.

Empatia, discrezione, velocità… sono solo alcune delle caratteristiche che dovrebbe possedere il cameriere perfetto. È la figura responsabile di accogliere il cliente e metterlo a proprio agio: sorriso, cordialità e aspetto ordinato non devono mai mancare. 

Gli ospiti devono sentirsi “quasi” come a casa propria, senza però dimenticarsi l’aspetto forse più importante: il cameriere è lì per servirli. È bene saper mantenere i ruoli e dedicare la massima attenzione a soddisfare le esigenze di ognuno con professionalità, rapidità ed efficienza.

Ma cosa distingue un cameriere “dilettante” dal cameriere perfetto? A parte quanto già detto, come sempre la differenza la fanno i dettagli. Vediamo dunque quali sono i 7 segreti che distinguono il cameriere perfetto da uno qualunque:

1. Ordine e pulizia

Aspetto curato e pulito, abiti in ordine e adatti al contesto, divisa quando richiesto. Sembra scontato, ma purtroppo non sempre lo è.

2. Il sorriso fa parte della divisa

Può capitare a volte di essere stanchi o distratti da problemi personali, ma in questo mestiere è importante saper sempre mantenere il giusto atteggiamento: il cliente deve sempre sentirsi il benvenuto.

3. Misurare i movimenti

Si lavora in locali (se va bene) affollati, sotto stress, tra persone che si muovono spesso e in modo imprevedibile. È importante che il cameriere impari a muoversi rapidamente ma con precisione, senza intralciare i colleghi né recare disagio agli ospiti: nessuno vuole trovarsi con un bicchiere rotto e la camicia sporca per un movimento goffo o distratto!

4. Non correggere il cliente

Il cliente può essere ignorante su certi argomenti o avere abitudini bizzarre: piuttosto che irrigidirsi e correggerlo, è fondamentale cercare di capire le sue ragioni e portarlo su un percorso di scoperta.

5. Rispettare la catena di comando

Un locale funziona secondo meccanismi collaudati e gerarchie precise: bisogna conoscerli ed evitare di prendere iniziative non richieste.

6. Ottimizzare i tempi

Piuttosto che macinare chilometri avanti e indietro per controllare la situazione o perché ci si è dimenticati qualcosa, è meglio svolgere queste azioni “passive” quando si sta sbarazzando o servendo un piatto: si risparmiano tempo ed energie.

7. Il conto solo quando richiesto

Non è carino quando il personale di un locale ci mette pressione per liberare in fretta il tavolo e lasciarlo ad altri clienti, no? Assicurarsi di portare il conto solo dopo l’esplicita richiesta del cliente, e non aspettare il pagamento al tavolo.

Ecco, ora che conosci i 7 segreti del cameriere perfetto, sei pronto per metterli in pratica: 

Scarica l’app di Jojolly, disponibile per iOS e Android, e trova subito lavoro nella ristorazione.

Puoi anche leggere questo post su come scrivere un Curriculum Vitae a prova di bomba.

Sei un ristoratore? Trova subito personale per il tuo locale!

Comincia subito!
Scegli la tua piattaforma.

Scarica l'app

Ultimi Post

Come diventare sushi chef - JoJolly
Come diventare sushi chef

Hai sempre sognato di diventare sushi chef? Vuoi scoprire tutti i segreti del maki perfetto? Allora continua a leggere!

Leggi
Come cercare lavoro nella ristorazione - JoJolly
Come cercare lavoro nella ristorazione

Best practice e consigli su come massimizzare i risultati quando si tratta di cercare lavoro nella ristorazione.

Leggi
5 errori che gli chef non commettono - JoJolly
5 errori che gli chef non commettono

In Italia non si deve scherzare su tante cose, ma ce n’è una in particolare che può trasformare anche il più tenero degli agnellini in un feroce leone: stiamo parlando del cibo.

Leggi